XY QUARTET

[gallery columns="4" ids="14456,14454,14458,14460,14462,14464,14466,14468,14472,14476,14478,14480,14482,14483,14484,14485,14497,14486,14487,14488,14489,14490,14491,14494,14495,14502,14503,14504,14446,14498,14506"]

XY QUARTET (Italy) 
Questo progetto è nato nel 2011 a Nordest, tra Veneto e Friuli, dall’incontro di due identità artistiche complementari, quelle del sassofonista Nicola Fazzini e del bassista Alessandro Fedrigo che creano, con il vibrafonista Saverio Tasca e il batterista Luca Colussi, una musica scritta, originale e innovativa, provvista di profonda coerenza e omogeneità. XYQuartet attraversa diversi linguaggi musicali e artistici aggiornandoli alla contemporaneità, esplorando nuove strade compositive con un approccio curioso che si può definire ‘oltrejazzistico’.
Il linguaggio di questo gruppo spazia infatti tra jazz e ricerca con fluidità e leggerezza, elaborando il materiale musicale in modo mai banale, ricomponendo codici differenti in modo omogeneo: dal jazz alla contemporanea, dal prog al postminimalismo, dal pop alle ultime influenze newyorkesi.

Nicola Fazzini: alto sax
Alessandro Fedrigo: acoustic bass guitar
Saverio Tasca: vibes
Luca Colussi: drums

 

Data: sabato, 27 Ott 2018

Ora Inizio 11:15

Loc. Lonzano Casali Zorutti - Dolegna del Collio (Go)

Sito web ufficiale

XY QUARTET (Italy) 
Questo progetto è nato nel 2011 a Nordest, tra Veneto e Friuli, dall’incontro di due identità artistiche complementari, quelle del sassofonista Nicola Fazzini e del bassista Alessandro Fedrigo che creano, con il vibrafonista Saverio Tasca e il batterista Luca Colussi, una musica scritta, originale e innovativa, provvista di profonda coerenza e omogeneità. XYQuartet attraversa diversi linguaggi musicali e artistici aggiornandoli alla contemporaneità, esplorando nuove strade compositive con un approccio curioso che si può definire ‘oltrejazzistico’.
Il linguaggio di questo gruppo spazia infatti tra jazz e ricerca con fluidità e leggerezza, elaborando il materiale musicale in modo mai banale, ricomponendo codici differenti in modo omogeneo: dal jazz alla contemporanea, dal prog al postminimalismo, dal pop alle ultime influenze newyorkesi.

Nicola Fazzini: alto sax
Alessandro Fedrigo: acoustic bass guitar
Saverio Tasca: vibes
Luca Colussi: drums

 

Ca’ Ronesca affonda le sue radici sul confine italo-sloveno, nel territorio del Collio. La proprietà coincide con la linea del confine di stato per 2 km di vigneti e boschi. La brezza, che soffia costantemente dalla valle dell’Isonzo, racconta di queste Terre e della sua Gente, divisa e ostile fino a vent’anni fa e ora unita e collaborativa. 

Incorniciati da una sessantina di ettari di bosco si cullano i nostri quasi 60 ettari di vigneti, dei quali 37 ettari si trovano nel comune di Dolegna del Collio, mentre altri 20 avviluppano a 360 gradi la collina di Ipplis, sovrastata da un cipresso ultracentenario. Tutt’intorno castagni, lecci, roverelle, acacie e ginepri, mentre sui pendii scoscesi esposti verso est il sole avvolgente del mattino inonda di luce i nostri vigneti: Sauvignon, Pinot grigio, Pinot bianco, Chardonnay, e poi Malvasia, Ribolla gialla, Picolit e Tocai friulano, così come Cabernet franc, Merlot, Pinot nero e Refosco dal peduncolo rosso. Da più di 40 anni essi osservano, muti e attenti, i cambiamenti in atto.

È proprio su questo territorio, impregnato di storia, di sentimenti e di grandi cambiamenti, che è sorta l’azienda agricola Ca’ Ronesca, fondata dal desiderio di trasformare le migliori uve dei propri poderi in vini di qualità superiore, frutto di un terroir unico che, accompagnato da un lungo lavoro in vigneto ed in cantina, compiuto con pazienza durante tutto l’anno, conferisce ai nostri vini profumi e sapori peculiari. Il carattere della nostra terra e l’orgoglio di lavorarla con la passione di sempre, sfruttando tecniche e tecnologie semplici: di questo vi parleranno i nostri vini, con la tipicità che li contraddistingue e li rende riconoscibili.

Programma dell'Evento

Prossimi Eventi