MOSES BOYD EXODUS

[gallery columns="4" ids="14696,14694,14693,14678,14682,14683,14684,14685,14686,14687,14689,14690,14691,14692,14697,14698,14699,14700,14701,14702,14703,14705,14704,14676,14674,14672,14669,14670,14671,14680,14679,14681,14673,14668,14677"]

MOSES BOYD EXODUS (UK) 

Il leader degli Exodus è il sud londinese Moses Boyd, un musicista che sta guidando la rinascita del jazz britannico con le sue sottili ma prodigiose capacità di suonare la batteria e il suo lavoro di produzione. A soli 26 anni Boyd è già vincitore di numerosi riconoscimenti tra cui il il "Parliamentary Jazz Award" come miglior musicista jazz emergente del 2016.

“Vedo il jazz come un modo di approcciare le cose in modo creativo”, dice il giovane batterista. Considerato uno dei talenti più promettenti della sua generazione, è una delle stelle nascenti nella dinamica scena jazzistica londinese. I suoi idoli sono batteristi come Philly Joe Jones, Roy Haynes, Ed Blackwell e Tony Allen.

Moses Boyd: drums
Artie Zaitz: guitar
Ayodeji Ijishakin: sax
Renato Paris: keys

 

 

MOSES BOYD EXODUS

Data: domenica, 28 Ott 2018

Ora Inizio 16:30

Strada della Colombara, 13 - Farra di Isonzo (Go)

Sito web ufficiale

MOSES BOYD EXODUS (UK) 

Il leader degli Exodus è il sud londinese Moses Boyd, un musicista che sta guidando la rinascita del jazz britannico con le sue sottili ma prodigiose capacità di suonare la batteria e il suo lavoro di produzione. A soli 26 anni Boyd è già vincitore di numerosi riconoscimenti tra cui il il “Parliamentary Jazz Award” come miglior musicista jazz emergente del 2016.

“Vedo il jazz come un modo di approcciare le cose in modo creativo”, dice il giovane batterista. Considerato uno dei talenti più promettenti della sua generazione, è una delle stelle nascenti nella dinamica scena jazzistica londinese. I suoi idoli sono batteristi come Philly Joe Jones, Roy Haynes, Ed Blackwell e Tony Allen.

Moses Boyd: drums
Artie Zaitz: guitar
Ayodeji Ijishakin: sax
Renato Paris: keys

 

 

Un proprietario terriero di nobili origini, un frate e un appezzamento di terra su cui costruire il primo monastero del territorio di Farra d’Isonzo. Inizia così l’antica leggenda da cui prende il nome “Borgo Conventi”, fondata nel 1975 con l’obiettivo di produrre vini raffinati ed eleganti. Un intento rinnovato nel 2001 con l’acquisizione della tenuta da parte della famiglia Folonari, una nuova spinta alla produzione che mantiene intatto il rispetto per la tradizione e le origini.

Per mesi i vini riposano in botti di rovere francese e di Slavonia o nei tini di acciaio inox. Nella Tenuta Borgo Conventi, il rustico che ospita i locali della moderna cantina è stato ristrutturato nel ’90. Al suo interno, ogni anno, vengono prodotte più di 300.000 bottiglie.

 

TENUTA BORGO CONVENTI SRL

Strada della Colombara, 13
34072 - Farra d’Isonzo ( GO )

info@borgoconventi.it

Prossimi Eventi