GAETANO VALLI “Tre per Chet – Thirty Years”

[gallery columns="4" ids="14281,14302,14290,14308,14292,14285,14287,14297,14298,14299,14300,14301,14303,14304,14305,14306,14307,14309,14311,14312,14318,14315"]

GAETANO VALLI ( Italy ) 

E’ un tributo alla figura di Chet Baker nel trentennale della sua scomparsa, nato per raccontare con la musica il lato malinconico e introspettivo del trombettista. “Mi sono sempre chiesto – spiega Valli – come un musicista così tormentato, vagabondo, schiavo della droga, potesse riuscire a produrre tanta poesia. Questa dissociazione tra vita e musica ha prodotto una qualità espressiva che a mio parere rimane ineguagliata.” ”... Sono gli anni della maturità quelli che a mio parere ci offrono la parte più affascinante della sua musica. Laddove la tecnica è ridimensionata, anche per motivi fisici, ed è abbandonata la voglia di primeggiare con lo strumento, nasce l’esigenza di esprimere un mondo interiore che è fatto di poesia e pathos. In questa direzione va la forma intima del trio tromba-contrabbasso-chitarra.

Gaetano Valli: guitar
Fulvio Sigurtà: trumpet
Riccardo Fioravanti: bass

 

GAETANO VALLI “Tre per Chet – Thirty Years”

Data: venerdì, 26 Ott 2018

Ora Inizio 13:30

Loc. Angoris, 7 - Cormòns (Go)
Tel: Tel. +39 0481 60923
Sito web ufficiale

GAETANO VALLI ( Italy ) 

E’ un tributo alla figura di Chet Baker nel trentennale della sua scomparsa, nato per raccontare con la musica il lato malinconico e introspettivo del trombettista. “Mi sono sempre chiesto – spiega Valli – come un musicista così tormentato, vagabondo, schiavo della droga, potesse riuscire a produrre tanta poesia. Questa dissociazione tra vita e musica ha prodotto una qualità espressiva che a mio parere rimane ineguagliata.” ”… Sono gli anni della maturità quelli che a mio parere ci offrono la parte più affascinante della sua musica. Laddove la tecnica è ridimensionata, anche per motivi fisici, ed è abbandonata la voglia di primeggiare con lo strumento, nasce l’esigenza di esprimere un mondo interiore che è fatto di poesia e pathos. In questa direzione va la forma intima del trio tromba-contrabbasso-chitarra.

Gaetano Valli: guitar
Fulvio Sigurtà: trumpet
Riccardo Fioravanti: bass

 

Sono innumerevoli i ritmi più o meno lenti che animano la Tenuta di Angoris: cinguettii di usignoli, versi di upupe, battiti di picchi, rintocchi di campana sacra, vento che sfiora i cipressi, salti di scoiattoli, foglie che cadono a terra, grappoli che crescono, vino che viene sorseggiato, stagioni che si rincorrono.
Dal 1648, anno della sua fondazione, la Tenuta di Angoris ha saputo custodire all’interno delle sue terre l’incedere policromino del tempo in ogni sua forma: lo testimoniano gli alberi secolari del parco, le mura di Villa Locatelli, la diagonale di cipressi che attraversa la Tenuta e i ricordi delle centinaia di persone che qui hanno trascorso la propria vita e dedicato il proprio lavoro.
Il tempo ad Angoris viene scandito anche dai battiti jazz che animano a fine ottobre la vecchia cantina di vinificazione, ora utilizzata come sala degustazione.
La degustazione prevede Spumanti Metodo Charmat Modolet e formaggi a latte crudo di Pezzata Rossa Italiana prodotti dalla Fattoria Zoff.

Tenuta di Angoris
Loc. Angoris, 7
34071 Cormòns (Go)
Tel.: +39 0481 60923
comunicazione@angoris.it
www.angoris.com
 

Prossimi Eventi