DISCANTUS

[gallery columns="4" link="file" ids="26251,26253,26259,26263,26265,26271,26275,26279,26283,26287,26291,26297,26301,26305,26309,26313,26317,26321,26325,26329,26333,26335,26341,26343,26345,26348,26350,26352,26354,26356,26358,26360,26362,26364,26366,26368,26370,26372,26374,26376,26378,26380,26382,26384,26386,26388"]

DISCANTUS (Italy)

Daniele D’Agaro: saxophones, clarinets
Mauro Costantini: church organ

Un progetto musicale davvero unico, che prende le mosse dai “Discanti Aquileiesi” (canti sacri della diocesi di Aquileia, trascritti dai codici miniati del 1200 conservati nel Museo Archeologico di Cividale del Friuli) coniugati con la disciplina dell’improvvisazione e materiali di epoca successiva. Dopo numerose esibizioni in Italia, Germania e Olanda nel corso degli ultimi vent’anni, D’Agaro e Costantini proporrano al pubblico di Jazz & Wine un repertorio che si estende fino ai “Sacred Concerts” composti da Duke Ellington tra il 1965 e il 1973.

 

Data: venerdì, 23 Ott 2020

Ora Inizio 11:00

Ingresso intero

20

Piazza Abbazia, 5 - Manzano - Udine (UD)
Tel: 0432 759091
Sito web ufficiale

DISCANTUS (Italy)

Daniele D’Agaro: saxophones, clarinets
Mauro Costantini: church organ

Un progetto musicale davvero unico, che prende le mosse dai “Discanti Aquileiesi” (canti sacri della diocesi di Aquileia, trascritti dai codici miniati del 1200 conservati nel Museo Archeologico di Cividale del Friuli) coniugati con la disciplina dell’improvvisazione e materiali di epoca successiva. Dopo numerose esibizioni in Italia, Germania e Olanda nel corso degli ultimi vent’anni, D’Agaro e Costantini proporrano al pubblico di Jazz & Wine un repertorio che si estende fino ai “Sacred Concerts” composti da Duke Ellington tra il 1965 e il 1973.

 

Biglietti Disponibile da Prezzo
Biglietto Unico o Abbonamento mercoledì, 30 Settembre | 2020 €20
    
+39 351 6112644
ticket@controtempo.org

L’abbazia di Rosazzo si erge sui colli orientali del Friuli, a nord-est di Manzano, a cavallo di strade che un tempo godevano di una notevole importanza strategica, a una ventina di chilometri da Udine e a una decina dal confine con la Slovenia.

La vista che si gode dalla badia nelle giornate di bel tempo è incomparabile. Dal belvedere si ammira tutto il paesaggio circostante che spazia a est dalla Slovenia (con i monti che furono teatro della Prima Guerra Mondiale) fino al golfo di Trieste, a sud-est dal campanile di Aquileia fino al mare Adriatico, a sud da Manzano (con il suo Distretto della Sedia) ai vari paesi che costellano la bassa pianura friulana.

Ciò che si stende sotto lo sguardo del visitatore è un insieme di lussureggianti colline, vigneti, uliveti, pianure con piccoli agglomerati urbani e da ultimo, il mare.

La millenaria Abbazia, le cui origini non sono ancora del tutto chiare, ha rappresentato in passato e rappresenta ancora oggi, soprattutto grazie alla sua posizione geografica, il punto di connessione fra Occidente e Oriente, ove culture diverse possono incontrarsi e dialogare.


L'Abbazia offre attività di rilevante interesse culturale tra le quali 'I Colloqui dell'Abbazia', i concerti di Pasqua e Natale'Rosazzo da Rosa' e la celebrazione solenne della festa di San Pietro, titolare della Chiesa.

Ma anche nel suo ritmo ordinario, l'Abbazia rimane sempre un invito alla visita e alla riflessione.
Ogni domenica , alle ore 18.00 si celebra la Messa sempre accompagnata dal coro. Un'ora prima, il sacerdote è disponibile per le Confessioni o per un dialogo con chi lo desiderasse.

Event Tags