In pillole

“Virtuosismo, conoscenza classica, umorismo e istinto da intrattenitore” – The Guardian   Autore di una originale miscela sonora che unisce tradizione jazzistica europea, musica colta e tradizione balcanica, Bojan Zulfikarpašić alias Bojan Z, originario di Belgrado ha studiato […]

Links:

Bojan Z

“Virtuosismo, conoscenza classica, umorismo e istinto da intrattenitore” – The Guardian

 

Autore di una originale miscela sonora che unisce tradizione jazzistica europea, musica colta e tradizione balcanica, Bojan Zulfikarpašić alias Bojan Z, originario di Belgrado ha studiato negli Stati Uniti, per poi stabilirsi a Parigi.

Pianista dall’inventiva sconfinata e dal sapiente ed originale tocco, ha iniziato a suonare all’ età di 5 anni passando dall’ amore per la musica tradizionale della sua terra a quello per Debussy, Bach, dal blues ai Beatles.

I premi e i riconoscimenti collezionati nella sua carriera sono molteplici: nel 2002 riceve il titolo di Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese e il premio Django Reinhardt come musicista dell’anno dall’accademia del Jazz francese, nel 2005 il Premio come miglior musicista di jazz europeo, Victories du Jazz nel 2007 elegge il suo Xenophonian  come album dell’anno e lo proclama Artista dell’Anno nel 2012.

Artista “non allineato”, ispirato da grandi stelle del passato ma anche sapiente ed irriducibile interprete di suoni e culture di quell’Oriente d’Eurasia che rappresenta un serbatoio culturale ineguagliabile, Bojan Z, non ha paura di viaggiare fuori dalle piste battute, ma senza mai perdere il suo gusto per la melodia e la forma, affermandosi come uno dei talenti più straordinariamente del jazz europeo, sempre capace di spiazzare e stupire chi lo ascolta.