FRED HERSCH a PIANO JAZZ 2014

//FRED HERSCH a PIANO JAZZ 2014

FRED HERSCH a PIANO JAZZ 2014

Mercoledì 16 aprile, ore 20.45 – Pordenone – Ridotto Teatro Verdi 

Nato a Cincinnati nell’Ohio nel 1955, Fred Hersch è stato proclamato dalla rivista Vanity Fair “Il pianista più innovativo nel jazz negli ultimi dieci anni o giù di lì”. Cinque volte candidato ai Grammy Awards, Hersch equilibra le sue capacità strumentali riconosciute a livello internazionale, con risultati significativi come compositore e direttore d’orchestra. È un grandissimo solista, accompagnatore ed interprete di “ballads”.

Ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di quattro anni. Nel 1977 si è trasferito a New York ed ha iniziato a collaborare con giganti del Jazz come Stan Getz, Joe Henderson, Toots Thielemans, Art Farmer ed Eddie Daniels. Di rilievo anche i sodalizi con la sassofonista Jane Ira Bloom e la cantante Janis Siegel dei Manhattan Transfer.

Tra i molti dischi registrati come leader o co-leader si possono citare: Sarabande (con Charlie Haden e Joey Baron), Beautiful Love (con la cantante Jay Clayton), Songs We Know (con Bill Frisell), 4 In Perspective (con Norma Winstone e Kenny Wheeler), Songs & Lullabies (con Norma Winstone e Gary Burton). Da segnalare anche il solo tributo “Fred Hersch Plays Thelonious Monk”.

Il New York Times ha pubblicato nel 2010 un meraviglioso e toccante articolo, a firma del critico David Hajdu, che racconta l’incredibile e miracolosa rinascita dell’artista che nel 2008 era stato colpito da una grave malattia. Oggi Hersch è un uomo pienamente recuperato;  dopo il ritorno sulle scene ha pubblicato dei bellissimi albums tra cui un concerto dal vivo della sua Pocket Orchestra, una registrazione per piano solo intitolata “Fred Hersch Plays Jobim”, ed il delizioso “Whirl”, in trio con il contrabbassista John Hébert  ed il batterista Eric McPherson.

È una storia toccante quella di Fred, musicista schivo, sottostimato e meritevole di attenzione ben maggiore.

 

BIGLIETTI (settore unico): Euro 12.00

INFO

Acquista online

www.controtempo.org/old/

 

2014-03-01T21:11:25+00:00 15 gennaio 2014|Storico|