Clayton_Gerald_cr_Devin_Dehaven_CF026435_-002

Lunedì 2 maggio, alle ore 20.45, è la volta di Gerald Clayton: classe 1984, olandese di nascita, americano di formazione, Clayton è una figura leader per le giovani generazioni, tanto da influenzare il nuovo lessico jazz d’oltreoceano e le sue tematiche più alternative. Figlio del bassista John e nipote del sassofonista Jeff Clayton, Gerald studia pianoforte classico, jazz e composizione nelle migliori accademie. Secondo premiato al Thelonius Monk Institute of Jazz Piano Competition del 2006, di lì a poco inizia la sua collaborazione con il trombettista Roy Hargrove: da allora incide diversi dischi e suona con nomi come Diana Krall, Melissa Morgan, Terell Stafford & Dick Oatts, e poi Michael Rodriguez, Dayna Stephens, Terri Lyne Carrington.

Tre album da leader, diverse nomination ai Grammy per l’eccellenza del suo trattamento musicale degli arrangiamenti, Clayton spicca per la sua indipendenza creativa. Anche il suo recente “Life Forum”, uscito per Concord Jazz, mette alla prova la sua “importante e autorevole personalità” (come la definisce il New York Times), conferma il suo talento come compositore e garantisce la grande forza intellettuale e musicale di un artista che sta solcando il terreno per dare nuove strade al jazz, superando qualsiasi etichetta di genere: “compongo in modo onesto e mi circondo di persone che abbiano idee che risuonino con le mie”.

> biglietti

Vai al sito di Gerald Clayton