Il Volo del Jazz 2016, XII Edizione

5, 30 novembre
Teatro Comunale Giuseppe Verdi, Pordenone

12, 19, 26 novembre – 10 dicembre
Teatro Zancanaro, Sacile

7 dicembre
Fazioli Concert Hall, Sacile

Il Volo del Jazz conferma anche quest’anno – insieme alla qualità delle scelte – la capacità di attingere alle più diverse e vaste aree del panorama jazz internazionale. Con piacere vediamo il Teatro Zancanaro di Sacile riempirsi di un pubblico variegato e di diverse provenienze, a conferma della posizione strategica della nostra città e della bellezza del Teatro Zancanaro, punto di riferimento del mondo culturale della Regione e non solo. Auguriamo, dunque, a questa lungimirante rassegna la fortuna che merita e una crescita continua, con l’auspicio che il Teatro continui a rimanere un contenitore che dell’accoglienza fa la propria forza: quello stesso Teatro che rappresenta anche una città che, con la sua eleganza e il suo valore storico, sempre più si apre all’interesse dei turisti e del pubblico da fuori regione.

Il Sindaco Roberto Ceraolo
L’Assessore alla cultura Carlo Spagnol

Questa dodicesima edizione de Il Volo del Jazz presenta un viaggio che – oltre che geografico (gli artisti giungono da tutto il mondo) – si libra tra atmosfere, linguaggi artistici e discipline diverse.
Il Circolo Controtempo è grato al suo pubblico – che ogni anno con la sua attenta e puntuale presenza – conferma che la mission della rassegna (quella di di ondere cultura, confronto, apertura di vedute artistiche e di interessi) ha radici profonde e fa “volare” la curiosità delle arti. Altrettanta gratitudine va, da parte di Controtempo, a tutti coloro (istituzioni e privati) che rendono possibile da oltre un decennio questa serie di concerti. Il programma alterna la freschezza delle giovani (e preparatissime!) leve del jazz internazionale (dai fratelli Wasserfuhr a Sarah McKenzie) a nomi che da decenni spopolano per il loro talento (Sly&Robbie con Petter Molvaer). Le sonorità morbide di crooner blasonati come Kurt Elling si avvicendano con le sperimentazioni sonore dell’elettronica di Studnitzky, no alle rivisitazioni appassionatamente “democratiche” dell’Orchestra Operaia e alle contaminazioni tra letteratura, jazz, teatro e illustrazione: con Short cuts in jazz, infatti, salgono sul palcoscenico i racconti di Vitaliano Trevisan che si intercalano con le improvvisazioni di Malkuth, quintetto rivelazione del jazz italiano e con i disegni di Squaz. Un volo che spazia in tutte le direzioni artistiche e sensoriali. Che vuole abbracciare chi ascolta e non lascia fuori nessuno.

Circolo Culturale Controtempo

Biglietti singoli a partire dal 16 ottobre su vivaticket.com.

APPUNTAMENTI:

Sabato 5 Novembre 2016 – Anteprima “Il Volo del Jazz” con KURT ELLING QUINTET

c_kurtelling_photo_by_anna_webber

logo teatro pn

 

 

In collaborazione con
Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone

 

 

KURT ELLING QUINTET
SABATO 5 NOVEMBRE, ore 20.45
TEATRO VERDI, PORDENONE

Kurt Elling voce
Stu Mindeman pianoforte/organo
Ulysses Owens Jr. batteria
Clark Sommers basso
John Mclean chitarra

Una voce inconfondibile, un timbro in grado di spaziare lungo quattro ottave unito a una maestria tecnica senza eguali: Kurt Elling (già Grammy nel 2009) si presenta così, con le sue incredibili doti artistiche e una prestigiosa carriera che l’ha portato a scalare le vette del jazz internazionale aggiudicandosi, per quattordici anni consecutivi, il premio della critica di DownBeat. Un riconoscimento che va ad aggiungersi alle otto nomination come “Cantante dell’anno” (tra gli uomini) da parte della Jazz Journalists Association e che ha spinto il New York Times a definirlo “il vero fuoriclasse tra i cantanti del nostro tempo”. In grado di unire lo spirito dei pionieri del jazz con la più alta poesia, Kurt Elling ha sintetizzato cinque anni di intenso lavoro nel suo ultimo album in studio, “Passion World”: nelle sue dodici tracce rivivono così le emozioni e le raccolte dall’artista in giro per il mondo, un coinvolgente e suggestivo viaggio musicale e poetico che prende vita durante le esibizioni live, nelle quali Elling accompagna lo spettatore in un affascinante percorso attraverso luoghi, culture e tempi lontani.

Fuori abbonamento
> biglietti

 

5 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Sabato 12 Novembre 2016 – SARAH MCKENZIE

g-sarah-mckenzie-2015001-copyright-philippe-levy-stab

SARAH MCKENZIE
SABATO 12 NOVEMBRE, ore 21.00
TEATRO ZANCANARO, SACILE

Sarah McKenzie pianoforte/voce
Hugo Lippi chitarra
Tom Farmer contrabbasso
Marco Valeri batteria

La giovane australiana Sarah McKenzie è una di quelle artiste che sembrano predestinate al successo: nel 2013 partecipò all’Umbria Jazz Festival Competition conquistando una borsa di studio per frequentare il Berklee College of Music di Boston. Due anni dopo usciva il suo ottimo album d’esordio, “We could be lovers”, per la Impuse! – etichetta americana con cui hanno inciso i più grandi nomi del jazz, tra i quali John Coltrane, Charles Mingus e Duke Ellington. Non da meno le collaborazioni che la McKenzie ha inanellato in questi anni (Michael Bublé, Chris Botti, John Patitucci, Enrico Rava) e che, se ce ne fosse bisogno, confermano il naturale talento della giovane pianista e cantante. Nelle sue composizioni il jazz classico viene riletto e reinterpretato con delicatezza e precisione senza paura di riprendere ritmi diversi e solo apparentemente lontani, come la bossa nova. Un’artista talentuosa e ambiziosa che si ispira a musicisti indimenticabili come Cole Porter, Irving Berlin e Johnny Mercer e che quando sale sul palco riesce ad estasiare il pubblico con il suo stile leggero e misurato.

> biglietti

5 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Sabato 19 Novembre 2016 – SLY & ROBBIE MEETS NILS PETTER MOLVAER FEAT. EIVIND AARSET & VLADISLAV DELAY

nils-petter-molvaer
nils_petter_molvaer_2_by_michael_hoefner
SLY & ROBBIE
MEETS NILS PETTER MOLVAER
FEATURING EIVIND AARSET
& VLADISLAV DELAY
SABATO 19 NOVEMBRE, ore 21.00
TEATRO ZANCANARO, SACILE

Sly Dunbar batteria
Robbie Shakespeare basso
Nils Petter Molvær tromba
Eivind Aarset chitarre, live electronics
Vladislav Delay live sampling, tastiere

Una fra le più celebri sezioni ritmiche della musica degli ultimi trent’anni (i giamaicani Sly & Robbie) incontra il pioniere dell’electro-jazz Nils Petter Molvær (tromba), con la collaborazione di due veri “alchimisti” sonori dell’elettronic: Eivind Aarset (soundscape guitar, la definisce egli stesso) e Vladislav Delay.
Si incontrano e si fondono, dunque, due mondi solo apparentemente lontani, a comporre un ensemble a dir poco eclettico, per un live set assolutamente fuori dal comune. La batteria di Sly Dunbar e il basso di Robbie Shakespeare sono il cuore pulsante di un inconsueto concerto che, grazie al talento del trombettista norvegese Nils Petter Molvær – che basa la sua ricerca strumentale sulle più innovative contaminazioni elettroniche – spazia tra jazz, reggae ed elettronica, fondendosi in un suono originale e unico fatto di atmosfere immaginifiche e contaminazioni piene di fascino.

> biglietti

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Sabato 26 Novembre 2016 – SEBASTIAN STUDNITZKY

h-studnitzky-sevi-tsoni

SEBASTIAN STUDNITZKY
SABATO 26 NOVEMBRE, ore 21.00
TEATRO ZANCANARO, SACILE

Sebastian Studnitzky pianoforte, tromba
Paul Kleber contrabbasso
Tim Serhan batteria
+
Berlin String Quartet
(Olga Holdorff, Artiom Ordiyants, Leila Weber, Kornelia Jamborowicz)

Sebastian Studnitzky è un artista poliedrico che da sempre ha avuto il coraggio e la voglia di muoversi con agilità tra generi e atmosfere diverse: eccelso trombettista e pianista, Studnitzky ha messo a punto, nel corso della sua intensa carriera, uno stile e un suono inconsueti, una musica in grado di fendere i confini e addentrarsi in atmosfere nuove e inesplorate. Protagonista indiscusso del cosiddetto nu-jazz tedesco, Studnitzky è un talentuoso esteta del suono. Ricercatore sonoro tra jazz e contemporanea, la sua musica è emozionante, anche grazie alla grande accuratezza degli interventi elettronici. Celebrato dalla critica internazionale, ha vinto, nel 2015, il prestigioso premio tedesco Echo Jazz 2015 nella categoria National Brass Instruments. Pochi musicisti della sua generazione hanno avuto la fortuna di esibirsi in così tanti club e festival in tutto il mondo e le sue prestigiose collaborazioni (Nils Landgren’s Funk Unit, Jazzanova, Mezzoforte, Nightmares On Wax, Moritz von Oswald e Dominic Miller) sono la prova del suo visionario talento.

> biglietti

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Mercoledì 30 Novembre 2016 – SHORT-CUTS IN JAZZ

vitaliano-trevisan-3

SHORT-CUTS IN JAZZ
MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE, ore 20.45
TEATRO VERDI, PORDENONE

Vitaliano Trevisan voce
+
Malkuth
Mirko Cisilino tromba / Filippo Orefice sax tenore
Filippo Vignato trombone / Mattia Magatelli contrabbasso
Alessandro Mansutti batteria

Un attore sul palco e accanto a lui un quintetto di musicisti jazz. Siamo in un jazz club a New York, in una sala del Nordest italiano oppure nella mente del narratore? La scrittura ritmica e affilata di Vitaliano Trevisan (autore di racconti, romanzi, testi per teatro oltre che attore e regista teatrale) e le musiche dei Malkuth, uno dei giovani gruppi rivelazione del nuovo jazz italiano, che si muove tra ricerca sonora e improvvisazione (del 2015 l’album d’esordio per Rudi Records). Frammenti dai racconti e romanzi che hanno rivelato Trevisan come una delle voci più significative degli ultimi anni. Con il respiro e il suono del jazz.
Una nuova produzione del Circolo Culturale Controtempo, che fa incontrare musica, letteratura, teatro e illustrazione in uno spettacolo inedito. Come già sperimentato con il progetto “Jazz Loft”, gli spettatori verranno omaggiati con il libro “Eric Dolphy è più grande di Charlie Parker”, un volume di pregio, curato da Flavio Massarutto, che contiene due racconti sul jazz di Vitaliano Trevisan illustrati da Pasquale Todisco in arte Squaz.

Fuori abbonamento
> biglietti
In omaggio il libro “Eric Dolphy è più grande di Charlie Parker”

teatro-verdi-pn-logo

Una produzione del Circolo Culturale Controtempo in collaborazione con il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone
4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Mercoledì 7 Dicembre 2016 – JULIAN E ROMAN WASSERFUHR

julian-und-roman-wasserfuhr4-c-by-grosse-geldermann

JULIAN E ROMAN WASSERFUHR
MERCOLEDÌ 7 DICEMBRE, ore 20.45
FAZIOLI CONCERT HALL, SACILE

Julian Wasserfuhr tromba
Roman Wasserfuhr pianoforte

Nonostante la loro giovane età, Julian e Roman Wasserfuhr sono ormai considerati da tempo due tra i maggiori musicisti jazz della scena tedesca. Se il loro album di debutto, “Remember Chet”, registrato quando avevano 17 e 20 anni, ha infatti permesso loro di farsi conoscere dalla critica, i tre successivi lavori hanno confermato le loro indiscutibili doti, riconosciute già nel 2013 con l’assegnazione (tra gli altri) del loro primo German Jazz Award da parte del Bundesverband Musikindustri. Capaci di sperimentare e “volare” oltre le barriere stilistiche, i fratelli Wasserfuhr vantano già collaborazioni con Nils Landgren, Lars Danielsson, Wolfgang Haffner, DJs Blank & Jones e Bertil Mark e Thomas D. Il loro ultimo e celebrato album, “Running” mette in luce anche le loro qualità di compositori e arrangiatori. Un lavoro in cui la determinazione e la passione di Julian e Roman emergono con forza attraverso splendide composizioni, riconoscibili per la ricchezza di luce e la spensieratezza delle melodie.

> biglietti

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Sabato 10 Dicembre 2016 – ORCHESTRA OPERAIA DI MASSIMO NUNZI

orchestra-operaia-altare-della-patria

ORCHESTRA OPERAIA DI MASSIMO NUNZI
SABATO 10 DICEMBRE, ore 21.00
TEATRO ZANCANARO, SACILE

Marta Colombo voce / Mario Caporilli tromba / Fabio Gelli tromba
Stan Adams trombone / Pieluigi Bastioli trombone basso e tuba
Claudio Giusti sax alto / Alex Tomei sax tenore
Carlo Conti sax tenore / Duilio Ingrosso sax baritono

Alessandro Gwis piano / Manlio Maresca chitarra
Lorenzo Feliciati basso / Pierpaolo Ferroni batteria
Massimo Nunzi direzione e arrangiamenti

Un progetto che va al di là della musica. Un’esperienza che è voglia di cambiare, reattività, gioia. L’Orchestra Operaia è la creatura di un musicista eccezionale, Massimo Nunzi, ed è il primo esempio in Italia di Orchestra “cooperativa”, diretta in condivisione con altri direttori.
Libera da connotazioni politiche di qualsiasi genere, l’Orchestra Operaia prende vita nel 2013 grazie a quel bravissimo Maestro Nunzi che inizia a radunare attorno a sé una nutrita squadra di giovani e talentuosi musicisti: dopo aver suonato con artisti come Chet Baker, Dizzy Gillespie, Dave Liebman e John Cage e aver diretto l’orchestra della Rai, Nunzi decide quindi di mettersi in gioco, conducendo un ensemble ispirato alle band che nacquero negli anni ‘30 negli Stati Uniti. Un esperimento che ha dato presto i suoi frutti e che si è concretizzato in un’affiatata squadra artista “in grado di suonare qualsiasi cosa: dal jazz degli anni ’30 alla musica contemporanea”, spaziando dai classici del jazz a Gil Evans, Laurie Anderson e Talking Heads passando per Django Bates, Ani Di Franco, Frank Zappa, John Adams, Mulatu Astatke, Thomas Adés e Prince.

> biglietti

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

Ogni concerto “Il Volo del Jazz” 2016 – PIERLUIGI SLIS

COVER JAZZ
OGNI CONCERTO

Pierluigi Slis artista

Anche quest’anno Il Volo del Jazz accosta linguaggi e supporti espressivi diversi e complementari: a corredo della rassegna, infatti, sono le opere di Pierluigi Slis a fare da contraltare visivo a tutti gli appuntamenti.

Un artista inafferrabile e rivoluzionario, Slis. Così ne scrivono in occasione della sua partecipazione alla Biennale Arte Dolomiti: “Slis guarda l’arte contemporanea dalla giusta distanza. Dimentica nomi e correnti ma trattiene l’immagine delle opere che incontra. Pur vivendo in equilibrio tra due sistemi sa bene qual è il suo posto nel mondo: ai piedi di una montagna verde scuro, in un laboratorio con il soffitto alto, accanto a chi lo conosce. Lì, coltiva pensieri e sviluppa installazioni misteriose, che ristabiliscono, all’interno della sua ricerca, un ordine ideale”.

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

“Il Volo del Jazz” 2016 – JAZZ SOLIDALE

JAZZ SOLIDALE

Come ogni anno, non è solo musica: con la vendita del calendario “Un segno jazz per la solidarietà” – che raccoglie le immagini realizzate da tre giovani illustratori – Dario Ragona, Maria Bressan e Veronica Piccolo – Il Volo del Jazz intende rinnovare il proprio sostegno alla Onlus La Biblioteca di Sara, nata in memoria di Sara Moranduzzo, che opera un servizio di distribuzione, prestito di libri in corsia e letture per i piccoli pazienti dell’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone. I calendari, a offerta libera, sono acquistabili ai concerti e alle iniziative di Controtempo.
Per donazioni:
IBAN IT60T0880512500021000000517 – FriulOvest Banca – Pordenone

Inoltre, in occasione del concerto del 10 dicembre, Controtempo devolve 1 euro per ogni biglietto a Un teatro per Amatrice, la raccolta fondi destinata a ricostruire il teatro della città simbolo del terremoto del centro Italia dell’agosto scorso.

Per donazioni: www.eppela.com/it/projects/10061-un-teatro-per-amatrice

4 ottobre 2016|Il Volo del Jazz 2016|

BIGLIETTI

Intero 18 euro / Ridotto 15 euro / Abbonamento 75 euro
I biglietti e gli abbonamenti si possono acquistare on-line sul sito www.vivaticket.it e nei punti vendita autorizzati.

A Sacile presso Cartoleria Abacus (Centro Commerciale Serenissima)
viale Matteotti 36/B, Sacile – 0434 781221

Biglietti singoli a partire dal 16 ottobre su vivaticket.com.

I biglietti dei concerti al Teatro Zancanaro di Sacile sono acquistabili anche la sera stessa dei concerti dalle 18.30.
Informazioni 0434 780623

Per il concerto del 10 dicembre (Orchestra Operaia) 1 euro a biglietto viene devoluto alla raccolta fondi Un Teatro per Amatrice.

 

INFORMAZIONI E CONTATTI

Controtempo + 39 347 4421717 / + 39 339 8109255
www.controtempo.org / [email protected]

Controtempo fa parte di JazzFVG che promuove la musica di qualità in regione e della rete i-jazz, che raccoglie alcuni dei più noti festival jazz italiani.