In pillole

Stefano Tamborrino, 150 concerti l’anno, una trentina di dischi, è fra i più richiesti batteristi jazz italiani.

Links:

Stefano Tamborrino

Stefano Tamborrino, 150 concerti l’anno, una trentina di dischi, è fra i più richiesti batteristi jazz italiani.

Ha cominciato a suonare nel 2000, all’età di 19 anni. Da allora ad oggi ha portato avanti il suo percorso musicale da autodidatta, cosa che ha favorito la formazione di un suo stile più personale e unicamente dettato dall’istinto.
Molteplici sono le sessioni di studio con musicisti affermati e di notevole talento.
Tra i fortuiti incontri e le collaborazioni stabili possiamo annoverare i nomi di: Ares Tavolazzi, Paolo Birro, Giovanni Guidi, Dan Kinzelman, Joe Rehmer, Riccardo Onori, Franco Santarnecchi, Marco Panascia, Francesco Bearzatti, Alessandro Lanzoni, Nico Gori, Gabriele Evangelista, Mirko Guerrini