In pillole

Dalla costa ovest alla costa est del Nord America, dall’Europa occidentale a quella orientale, dalle steppe di Tuvan della Mongolia siberiana ai Monti Fuji del […]

Links:

Dave Hotep

Dalla costa ovest alla costa est del Nord America, dall’Europa occidentale a quella orientale, dalle steppe di Tuvan della Mongolia siberiana ai Monti Fuji del Giappone, Dave Hotep nell’ultimo decennio ha viaggiato nell’emisfero settentrionale [e nel Brasile]: osservando, ascoltando, eseguendo e apprendendo la musica della terra.

Dopo aver intrapreso le prime lezioni di chitarra piuttosto tardi, durante la scuola superiore, Dave Hotep si è lasciato alle spalle una carriera nel design architettonico. E un’intensa attività di studio da autodidatta e con ottimi insegnanti privati ​​come Curtis Harmon Sr., Steve Giordano, Myrtle Young, Robert Kenyatta, Marshall Allen e [Studenti di Dennis Sandole] Glenn Wallace e Pat Martino hanno contribuito ad affinare la sua teoria musicale, jazz nello specifico, e le sue abilità di chitarrista.

Nella sua prima esperienza professionale, ha collaborato come membro integrale della leggendaria squadra di DJ Tat Money Halfro Productions – suonando sia basso che chitarra, contrattando musicisti e comparendo anche in un video trasmesso su MTV / BET con il gruppo hip-hop EBS – uno dei gruppi prodotti dalla società.
Nei primi anni ’90 ha fondato l’ensemble musicale JazGuardian con il batterista di Philadelphia Kimpedro.
Il JazGuardian si è esibito in innumerevoli eventi pubblici, privati, aziendali e politici nell’area metropolitana di Philadelphia per quasi 20 anni.
Negli anni ’90, inoltre, ha partecipato a laboratori e programmi di ritiro in residenze di Artisti all’interno del programma della Pennsylvania Council of Arts insieme a Mr. Kenyatta e ha eseguito numerosi concerti per Artreach, Inc., come membro di un gruppo guidato dal bassista Sharif Abdullah.
Ha eseguito e insegnato con il Philadelphia Jazz Composers ‘Forum, organizzato e guidato dai vibrafonisti di Philadelphia Khan Jamal e Barry Schuck. Sotto la supervisione di questa organizzazione senza scopo di lucro, ha organizzato e gestito il programma di jazz per anziani in collaborazione con la commissione municipale per i servizi alla terza età.
Ha inoltre eseguito e scritto composizioni di per varie Big Band tra le quali la Big Band Comunale di Philadelphia, diretta da George Allen.
Dal 2000 si è perfezionato all’interno della scuola dei maestri musicisti della Sun Ra Arkestra – con Marshall Allen, Charles Davis, Knoel Scott, Michael Ray e altri.
Dando inizio a una serie di registrazioni ed esibizioni a livello internazionale come membro del Sun Ra Arkestra, sotto la direzione di Marshall Allen, che ancora continua.
È membro dell’assemblea afro-caraibica della percussione La Tumba, guidata da uno dei più illustri maestri percussionisti di Philadelphia Robert Kenyatta (con cui ha lavorato sin dai primi giorni di JazGuardian). Per LaTumba ha riarrangiato, eseguito, registrato e mixato per il CD La Danza di Kenyatta che ha dedicato ai suoi genitori.
Ha scritto, registrato e si è esibito anche con l’ensemble folkloristico di percussioni d’avanguardia Sonic Liberation Front (guidato dal percussionista Kevin Diehl) – comparendo nel loro CD Jetpack #1.
Ha collaborato inoltre con il trio ulti-strumentale sudafricano di Mogauwane Mahloele, accanto al sassofonista di Philadelphia Bobby Zankel.

Internazionalmente ha suonato insieme a numerosi membri di Arkestra e altri come il chitarrista Wayne Krantz del MC5, il poeta John Sinclair, Bernie Worrell, DJ Spooky, (in piedi nell’ombra dello scrittore e produttore di Motown) Alan Slutsky, il violinista Billy Bang, lo strumentista Kali Fasteau, il Tuvan throat-singing Alash e il leggendario musicista Tuvan Kongar-ol Ondar – co-protagonista del famoso documentario Genghis Blues.

In 30 anni Dave Hotep è divenuto un professionista del suono, grazie anche al fertile contesto di musicisti di fama mondiale di Philadelphia in cui è cresciuto, esibendosi con molti strumentisti influenti tra cui, oltre quelli già segnalati, anche: Byard Lancaster, Raymond King, New Griots africani, Deep Space Posse di Tyrone Hill , E Elliott Levin.

Negli ultimi anni si è avventurato in progetti sperimentali audio / video con i video-makers tedeschi Goertz Rogge e Gabriele Worgitzki.
Nel 2008 è stato incaricato di trascrivere e orchestrare un arrangiamento di un’ improvvisazione di Sun Ra “Outer Nothingness” per l’ensemble di musica contemporanea MusikFabrik Landesensemble NRW e.V. di Colonia (Germania).
Ha anche riscritto arrangiamenti della musica di Sun Ra per il Corso di Jazz dell’Università di Denver, sotto la direzione del professor Ron Myles.
Dave Hotel inoltre, continua ad esplorare le infinite possibilità della musica elettronica con il suo Akimbo Research Project.

(Trad. da All About Jazz)