In pillole

Arnaud Biscay inizia a studiare percussioni classiche al CRR di Bayonne all’età di 12 anni. Si laurea sei anni dopo e orienta il proprio studio […]

Links:

Arnaud Biscay

Arnaud Biscay inizia a studiare percussioni classiche al CRR di Bayonne all’età di 12 anni. Si laurea sei anni dopo e orienta il proprio studio alla batteria. Si trasferisce a Parigi nel 2005 dove studia con François Laizeau, Christian Lété, Joe Quitzke, Simon Goubert e Dré Pallemaert, professore presso il CNSMDP (Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris). Nel 2012 partecipa al programma di scambio Erasmus e trascorre un anno a Amsterdam dove studia con Martijn Vink e Lucas van Merwijk.
Nel 2008 incontra “Professeur Inlassable”, produttore, compositore che ha accompagnato il cantante e bassista Bibi Tanga dell’Africa Centrale. Inizia in quel periodo un tour in Francia e all’estero in diversi paesi europei (Spagna, Portogallo, Italia, Svizzera, Germania, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi, Belgio, Regno Unito, Irlanda) Malawi, Repubblica Centrafricana, Camerun, Ghana, Guinea Equatoriale, Gibuti, Zimbabwe, Madagascar, Riunione, Senegal, Ciad, ) E Asia (India e Turchia).
Nel febbraio 2011, durante un tour in India, Arnaud scopre il Tablas, la tradizionale percussione usata nella musica classica indiana. Frequenta corsi con Prabhu Edouard e successivamente con Niti Rajan Biswas, direttore del dipartimento di musica indiana in Amsterdam.
Ha suonato con differenti formazioni come ODEI, Gabriel Auguste, Lena Chamamyan, Arthur S & le Professeur Inlassable, Lucy Dixon, Kaimaki, il trio di Philippe Baden Powel, Stéphane Tsapis trio, ÆGN, il trio e sestetto Enzo Carniel, l’Orchestrae di Yannick Lestra.
Dopo aver ottenuto il Master con ottimi voti CNSMDP nel giugno 2014, Arnaud inizia a dedicarsi ai propri. ODEI dove si presenta come batterista, percussionista, cantante e compositore, progetto strutturato in collaborazione con il vibrafonista Maxime Hoarau, il produttore Emmanuel Matthys e José Echevest . Un progetto sviluppato su un linguaggio basato sull’improvvisazione e suoni ripetuti in un contesto di musiche elettroniche.